una storia che…

Uno dei difetti della storia, peraltro grande disciplina, è quello di non saper dare al racconto dei fatti quel tanto di color ridicolo che invece si manifesta naturale agli occhi di chi guardi i fatti farsi.

Annunci

declinazione

Quanto è smarrita una società, una cultura che nelle sue notizie di prima pagina declina così: “… non si è avuta un’avanzata dei neonazisti né una retrocessione dei postcomunisti… “. Quantomeno non si è più in grado di prendersi sul serio, quantomeno…

erme sante

Non so se riuscirò mai a comunicare con una certa esattezza il fastidio a pelle che provo guardando i mezzi busti della tv. Ci provo: sono ingessati, imbalsamati, i loro movimenti studiati, asettici, impersonali, i sorrisi di maniera, lo stare di 3/4, il tentennare continuamente verso l’obiettivo della telecamera, la postura delle braccia, le palme rivolte verso il pubblico; ci pigliano disciplinatamente per il culo; scolaretti diligenti dell’image system di qualche guru d’oltreoceano, hanno studiato bene la loro particina; la voce, il tono della voce sempre uguale, neutro, inespressivo alla fin fine, e quando annunciano la morte di un paio di centinaia di persone e quando riferiscono una qualunque amenità; fanno paura, mi fanno paura; in certe serate di umore apocalittico sfondano il video, bucano il video e mi appaiono come i nunzi del mondo a venire, gelido omologato conformista mondo… ma forse esagero…

caccia a reazione

Stamattina alla radio ho ascoltato le dichiarazioni riportate di un capomanipolo terrorista. Fra altre cose costui si vantava di aver organizzato fior di stragi molto a buon mercato; e veramente l’investimento economico necessario a far saltare in aria un autobus non è ingente, a ben pensarci; in parallelo pensavo ai 40 0 50 milioni di $dollari o €euro che occorrono per comprare un caccia a reazione…