maiblogghe

30 agosto 2008

inventiva

Filed under: Pensierini — canalugi @ 19:49

C’è più inventiva ed originalità linguistica in un incolto che storpia una parola straniera per sfiorarne il possesso che in 100 giornalisti bellimbusti che pronunciano correttamente la superfetazione di parole forestiere che ormai ci assedia.

29 agosto 2008

polimorfismo

Filed under: Pensierini — canalugi @ 20:09

Ogni cosa è quantomeno duplice. Un tizio che per me è invadente per te sarà magari spigliato, un fiore che mi appare funereo ai tuoi occhi potrebbe essere delicato…

28 agosto 2008

virginia

Filed under: Letture — canalugi @ 16:42

Ho dovuto arrampicarmi fin oltre le cento pagine per cominciare ad apprezzare veramente la prosa del Faro. Ora e solo ora, accostumato ormai agli sfarfallii, percepisco in tutta la loro dolente profondità i sentimenti e le visioni che la Woolf trasfonde nei suoi personaggi.

nemico vero

Filed under: Pensierini — canalugi @ 15:30

I barbogi al vertice della Chiesa, molti fra essi quantomeno, fraintendono pesantemente e invece di vedere Satana incarnato nel Leviatano finanziario e commerciale che travia e sbrana ogni minimo senso cristiano, si baloccano ancora a dare addosso ai blandi ectoplasmi del comunismo e del laicismo… come se Satana si accontentasse di parlucchiare dal basso di qualche cattedra universitaria, ovvero redazione di giornale, ovvero pubblicazione di qualsivoglia tipo…

26 agosto 2008

virginia

Filed under: Letture — canalugi @ 17:14

Nella Woolf la cosa più importante è sempre una coscienza che liricamente si esprime, che si distende pensosa laddove nella realtà il portatore/portatrice di codesta coscienza annaspa incerto.

22 agosto 2008

deiezioni

Filed under: Pensierini — canalugi @ 18:58

Questo nostro paese produce merda e vive nella merda. A coloro che mi chiedessero come ci si è potuti arrivare risponderei che chi non ha il bagno dentro casa prima o poi la merda da qualche parte deve metterla…

sudditanze

Filed under: Pensierini — canalugi @ 9:30

Ed io che pensavo che la timidezza politica del Walter fosse da imputare ad un conservatorismo sparagnino e pauroso… ora invece scopro che la sua insipienza politica deriverebbe chiaramente dall’essere lui troppo legato alle “frange giustizialiste”… ma dai! Ma c’è un limite a tutto! Ma che ti deve fare pure da maggiordomo oltre a farti da zerbino?!

21 agosto 2008

proust

Filed under: Letture — canalugi @ 17:05

Mi dà l’impressione, spesso, di accendere la propria immaginazione per mezzo della pittura, che veda, in un certo senso, le cose come oggetti dipinti, che vengono dipinti, coi colori ancora freschi uno accanto all’altro e pronti a rimarcarsi o mischiarsi a seconda dell’estro del pittore.

virginia

Filed under: Letture — canalugi @ 16:02

La Woolf prende per il culo i maschi, gli uomini; lo fa bene, lo fa mischiando assieme un pizzico di veleno, un tantino di dispetto, molta intelligenza e tanta prosaica verità.

19 agosto 2008

la recherche

Filed under: Letture — canalugi @ 16:55

Leggendo Proust vengo a scoprire la quantità innumerabile di qualità che le cose posseggono, anche le più minute e quotidiane.

17 agosto 2008

dialoghi

Filed under: Pensierini — canalugi @ 19:09

Dialoghi
tizio: “Hai visto la finale dei 100 metri?”
caio: “Ma veramente queste Olimpiadi non le sto seguendo molto. Ho intravisto il servizio sul telegiornale.”
tizio: “una freccia. Era una freccia. Impressionante”
caio: “si ma… ‘st’Olimpiadi… boh… sembrano più una vetrina per le multinazionali che un evento sportivo… boh…”
tizio “ormai è tutto business.”

Ed io che mi domando se quell’affermazione conclusiva abbia più il tono della costatazione anodina, tipo “… e va bè che ci vuoi fare è così che va…”, oppure quello di un’affermazione apocalittica, tipo “ormai l’inferno è in terra, non c’è scampo per niente e nessuno…”

periodi

Filed under: Pensierini — canalugi @ 15:30

Vado a periodi. In questo momento la cosa che più mi infastidisce è la depravazione a cui sono sottoposte le lingue dal dominio commerciale.

16 agosto 2008

pop!

Filed under: Pensierini — canalugi @ 19:45

La musica pop è semplice al punto da essere con irrisoria facilità assimilata, livellata, programmata.
Il cinema, benché pesantemente compromesso, per la sua stessa natura polimorfa sfugge di più, è intrinsecamente più profondo e tendenzialmente inassimilabile.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.